Costa pugliese
Visitare la costa pugliese
febbraio 4, 2017
foresta di mercadante
La foresta di Mercadante
febbraio 4, 2017
Mostra tutto

Ricette pugliesi. Come fare il limoncello

Limoncello

Ricetta del limoncello

Alessandro Siani, nel celebre “Benvenuti al Sud”, ci ha insegnato a chiamarlo “succo di frutta”, ma il suo vero nome è “liquore al limoncello” ed è una gradevole bevanda alcolica che si lascia apprezzare soprattutto in estate, ghiacciata, ma sa come riscaldarvi anche in inverno. Ottimo come digestivo, si esalta con e sopra i dolci.

Per prepararlo, la tradizione vuole che i migliori limoni siano quelli di Sorrento, ma gli abitanti di Amalfi e Capri contendono proprio ai sorrentini la palma da assegnare all’inventore della bevanda. È anche vero che non c’è massaia in Puglia che non abbia il suo bell’albero di limoni biologici, utilizzati proprio per fare il limoncello in casa.

La preparazione del liquore non è impresa ardua e vedrete che anche voi potrete facilmente essere fieri della vostra impresa. L’importante è eseguire le operazioni con scrupolo e rispetto dei tempi.

Ingredienti

Limoni: 10 medio-grossi e biologici

Zucchero: 500g

Acqua: 1 litro e 1/2

Alcol puro a 95°: 1 litro

 

 

 

 

Come si fa

In primo luogo, i limoni vanno lavati in acqua tiepida e ben ripuliti da qualsiasi residuo: la loro buccia andrà in infusione.

Servendovi di un pela patate, che vi aiuterà eliminare la parte bianca della buccia (è amara), sbucciate i limoni e, con un tagliere, riducete le scorze a tante piccole listarelle. Queste andranno lasciate macerare per un mese, in un contenitore di vetro chiuso ermeticamente, dentro a 750 ml di alcool. Il contenitore va conservato in un ambiente fresco e senza luce.

Trascorsi i trenta giorni, fate bollire l’acqua e aggiungete lo zucchero. Mescolate e fate sciogliere lo zucchero fino a formare uno sciroppo. Quindi, fate raffreddare, unite i rimanenti 250ml di alcool e versate il tutto nel contenitore in cui avevate lasciato le scorze in infusione.

Tornate a chiudere ermeticamente il contenitore e a riporlo al buio per altri 40 giorni.

Come vedete, occorre pazienza, ma la vostra attesa sarà premiata.

Bene, passati i quaranta giorni, prendete il contenitore, filtratene l’infuso, imbottigliate e conservate in freezer … #evedicosatibevi!

Comments

comments